Come funzionano i cristalli

Come funzionano i cristalli

Immagine: un'opera di Loredana Sperini – Untitled – miart arte 2012


Il potere persuasivo dei cristalli, non sta solo nella loro estetica, poichè si tratta anche di un fenomeno “elettro-meccanico” chiamato: Piezoelettricità: dal greco πιέζειν, premere, comprimere.

E’ la proprietà di alcuni cristalli di generare una differenza di potenziale quando sono soggetti a una pressione meccanica, producendo quindi un voltaggio elettrico misurabile (tale effetto è reversibile e si verifica su scale dell'ordine dei nanometri). Viceversa, quando gli si applica una corrente elettrica, questi inducono un movimento meccanicoPer questo i quarzi, sono utilizzati sulla puntina del fonografo che trasforma le vibrazioni meccaniche in oscillazioni elettriche, e i cristalli di silicio sono usati come componenti primari di computer e tecnologie solari.

La struttura cristallina risponde in modi precisi a un largo spettro di energie quali: luce, calore, pressione, suono, elettricità, raggi gamma, microonde, bioelettricità, ed anche energie della coscienza (cioè onde pensiero o forme pensiero).

A seconda dello stimolo energetico inviato, rispondono con oscillazioni ovvero un’emissione di energie a specifiche frequenze, trattando così diversi tipi di forze. Ecco che, quando teniamo tra le mani dei cristalli, avvertiamo delle sensazioni come calore, energia fredda, formicolii, fitte e contemporaneamente si risvegliano pensieri (attivazioni) o visualizziamo colori ed immagini.


Detto questo, vi lascio nelle mani di un ricercatore-scienzato dell'IBM, Marcel Vogel il quale spiega l'attività dei cristalli, specificando la varietà del quarzo:

Il cristallo è un oggetto neutro la cui struttura interna mostra uno stato di perfezione ed equilibrio. Quando è tagliato nella forma adatta e la mente umana entra in rapporto con la sua perfezione strutturale, il cristallo emette una vibrazione che estende ed amplifica il potere della mente dell’operatore. Come un laser, irradia energia in forma coerente altamente concentrata e questa energia può essere trasmessa ad oggetti o persone. Il cristallo può essere usato per comunicare da mente a mente, ma il suo impiego più importante è al servizio dell’umanità per la rimozione del dolore e della sofferenza. Con appropriata preparazione, un terapeuta può dissolvere forme-pensiero negative che si sono manifestate come malattia nel corpo fisico di un paziente. Quando una persona è emotivamente disturbata, il suo corpo sottile si indebolisce e presto può seguire la malattia. Con un cristallo tagliato in modo giusto un terapeuta può, come fa un chirurgo con un tumore, eliminare l’impronta negativa dal corpo di energia, consentendo al fisico di ritornare a uno stato di benessere”.


Close

Questo sito utlizza cookie. Può leggere come li usiamo nella nostra Privacy Policy.